De Angelis: “Vuoi correre con me il Trofeo R3 Yamaha?”
Interviste

De Angelis: “Vuoi correre con me il Trofeo R3 Yamaha?”

Dopo aver appeso il casco al chiodo, Alex è ancora alle prese con il recupero del braccio destro. “Purtroppo non ho forza, faccio fatica a riprendermi”. Tante le attività: oltre a lavorare per la Federazione, Alex ha un team insieme all’amico Massimo Roccoli. Volendo c’è ancora una moto libera…
di Giovanni Zamagni

Ha appeso il casco al chiodo, ma Alex De Angelis ha poco tempo per annoiarsi. Non lo vedremo più nel motomondiale, per il momento, ma chi frequenta i circuiti incontrerà prima o poi Alex, magari a bordo pista, a cercare nuovi talenti. E non solo.

Ciao Alex. Hai finito il 2020 fisicamente un po’ malconcio per la caduta di Le Mans. Adesso come stai?

“Purtroppo faccio fatica a riprendermi fisicamente, il braccio non vuole sapere di riprendersi: in allenamento, non riesco a sollevare più di 3-4 kg… Sono un po’ preoccupato”.

Vedi anche

I medici cosa dicono?

“Ho fatto mille visite, con super specialisti. Il problema è che io ero già stato operato a questo braccio: ricadendoci sopra il nervo, che probabilmente era già messo male, ha preso un’altra botta, ma sembra che non convenga operarlo. Non ho dolore, semplicemente non ho forza al bicipite: secondo i dottori il rischio di un'operazione è troppo grande rispetto ai benefici. Quindi speriamo che possa migliorare”.

 

E psicologicamente come stai, hai metabolizzato il ritiro?

“Sì. È vero che ero triste, è anche scappata la lacrima, come è normale che fosse. Ma è stata una mia scelta, presa parecchio tempo prima dell’annuncio. Quando l’ho ufficializzata, è stato bello che il team Pramac mi abbia chiesto di ripensarci e mi è anche arrivata in seguito un’altra proposta. Sono tranquillo, anche perché ho un sacco di cose da fare nel mondo che mi piace, quello delle moto: come sempre, mi ritengo uno fortunato”.

 

 

Raccontaci cosa fai...

“Prima di tutto, nel 2020 ho creato un team, il Roc’n’DeA (Roccoli e De Angelis, NDA) assieme a Massimo Roccoli, amico e rivale fin dai tempi delle minimoto e adesso anche colleghi come tecnici federali per i giovani talenti. Abbiamo creato questo team, che è un po’ anomalo: non solo facciamo i team manager, ma andiamo anche in pista con i nostri piloti. L’idea è nata perché io e Roccoli utilizzavamo già le 300 come allenamento personale e quando andavamo in pista, tantissimi giovani piloti si aggregavano, chiedevano consigli. Allora ci è venuta l’idea di fare una squadra e continuare questo tipo di insegnamento ai nostri piloti. In un anno siamo diventati una solida realtà: uno dei nostri tre piloti, Diego Palladino, 15 anni, ha fatto secondo nel Trofeo R3 Yamaha Cup. Ci siamo tolti delle belle soddisfazioni, pur essendo partiti da zero e con nessuna esperienza nel ruolo di team manager: a Misano abbiamo messo tre piloti ai primi quattro posti sullo schieramento di partenza. Stefano Borgonovo ha vinto la classe Over; insomma, l’idea di far allenare i piloti in pista con noi ha funzionato. Non solo studiamo i video, la telemetria, ma mettiamo anche a posto le loro moto, la messa a punto, la frizione, il freno motore…”.

 

Per il 2021 qual è il programma?

“Fare sia il campionato italiano SuperSport 300 sia il Trofeo R3 Yamaha: Palladino farà entrambi i campionati, con l’obiettivo di provare a vincere il Trofeo e fare molto bene nel CIV; poi avremo Federico Iacoi, che viene dalla PreMoto3 nel CIV e poi abbiamo ancora una moto libera per il Trofeo. Al momento non abbiamo fatto l’accordo con nessun pilota: chi interessato può contattarci attraverso il team ([email protected]). C’è anche la possibilità di vincere una gara con il nostro team, sempre nel trofeo R3Cup partecipando al “Contest” con un simulatore: il più bravo avrà diritto di fare un test sulla moto vera e poi la gara nel trofeo”.

 

E per la Federazione Motociclistica Italiana cosa fai?

“Durante la stagione mi occupo di tutti gli allenamenti dei talenti azzurri, ragazzi dai 12 ai 17 anni, mentre alle gare del CIV vado in pista e oltre a seguire i talenti azzurri, guarderò tutti gli altri ragazzi, ai quali posso dare dei consigli”.

 

Com’è il CIV?

“La 300 e preMoto3 sono due categorie fantastiche, mentre la Moto3 è un po’ in difficoltà. Ma l’arrivo della VR46 può dare una bella mano a far crescere la categoria”.

 

Yamaha YZF R3 (2019 - 20)

Informazioni generali
  • Marca
    Yamaha
  • Modello
    YZF R3
  • Allestimento
    YZF R3 (2019 - 20)
Vai alla scheda tecnica
Recensioni
  • Renzi gas
    22 maggio 2019
    Yamaha YZF-R3
    Moto eccellente per ragazzi giovani che affacciano alla velocità.
    Leggi di più
  • Giovanni ruggieri
    28 marzo 2018
    R3 recensione
    Moto perfetta, agile e potente, perfetta per iniziare su strada e in pista, consigliatissima
    Leggi di più
  • Desmosimo1993
    16 ottobre 2017
    Una delle migliori moto per la patente A2
    La posso consigliare a chiunque abbia bisogno di una prima moto con la quale iniziare, perché è comoda, sicura, un avantreno che è incollato a terra, ma nel misto stretto da anche qualche soddisfazione, tenendola alta di giri. E' leggera ed agile, perfetta sopratutto per il pubblico femminile, e per chi è alle prime armi. Se la spremi al massimo fai almeno 180-200 km con un pieno, se vai tranquillo arriva anche ai 350, quindi anche nei consumi è perfetta.
    Leggi di più
Moto nuove
Moto usate
Leggi anche
Altre info Yamaha YZF R3 (2019 - 20)
Cosa stai cercando?
Invia feedback
La tua opinione conta